Zolleggiamo! | letture infanzia
26
archive,paged,tag,tag-letture-infanzia,tag-26,paged-2,tag-paged-2,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

letture infanzia Tag

zolleggiamo, vorrei essere un fioreRecensione di: Panda (insegnante) Vorrei essere un fiore è un libro Bohem, con poche frasi ed immagini semplici che sembrano uscite dalla matita di un bambino. Quanto era bello quel fiorellino! Quanto avrebbe voluto essere come lui! Quanto avrebbe voluto avere quei bei petali colorati! Cosa avrebbe dato per essere meno alto, magari, ma più colorato e profumato!... Questo pensava quella piccola piantina spuntata dal terreno in primavera. Ogni volta che guardava accanto a se e vedeva un bel fiorellino con la corolla colorata... bhè... avrebbe voluto essere lui. La piantina amava il cielo azzurro, il sole e l'aria fresca ma non era del tutto felice: avrebbe voluto essere bello come quel fiorellino che vedeva poco più in là e si rattristava, giorno dopo giorno, vedendolo fiorire mentre lui restava esile e senza corolla. La tristezza lo invadeva ogni giorno...fino a che la natura fece emergere la sua vera identità: non era una minuscola piantina ma un bellissimo albero che, nel massimo della fioritura, era pieno di fiori! Questo libro è un  invito ad avere fiducia in se stessi, ad avere fiducia nelle proprie potenzialità che,con pazienza, emergono in modo inequivocabile

i3piccoligufiRecensione di: Pioska (insegnante) Tre fratelli gufi, Sara, Bruno e Tobia, come tutti i gufi pensano molto, di notte soprattutto, mentre attendono la mamma che torni a casa. Tutti e tre attendono impazienti, ma Tobia, il più piccolo, ha paura e chiede spesso della mamma. Stretti stretti, si fan coraggio e immaginano l'arrivo della mamma che... planando morbida tra gli alberi atterra vicino ai suoi cuccioli. Così, quando la mamma torna davvero svanisce la paura e ritorna la tranquillità...........la mamma è sempre la mamma!

zolleggiamo, il ciuccio di ninaRecensione di: pioska (insegnante) Nina non si separa mai dal suo ciuccio e alla mamma che la sprona ad abbandonarlo ribadisce che non lo lascerà mai. Nemmeno quando sarà grande, nemmeno per andare a spasso, in piscina, al lavoro e nemmeno quando si sposerà. Ma mentre Nina passeggia nel bosco, ecco sbucare un enorme lupo che minaccia di mangiarla. Nina, per niente impaurita, con il ciuccio in bocca inizia una discussione con il lupo, ma questo non capisce e insiste, finchè la bambina spazientita toglie il ciuccio e gli parla con grinta. Il lupo allora si infuria davvero, spalanca la sua boccaccia per mangiarla ma... Nina ci infila il suo ciuccio! Il suo ciuccio è proprio efficace perché il lupo cattivo, col ciuccio in bocca, diventa tenero e mansueto come un agnellino e sparisce nel bosco.

amici nel mare, zolleggiamoRecensione di: Ina (insegnante) La storia: Il pesce Pedro e Bernardo il paguro sono due amici che vivono nello stesso mare ma non si incontrano mai per paura dei pescecani. Bernardo sta chiuso nella sua conchiglia e Pedro abita in una grotta. Quando Pedro timidamente mette il muso fuori dalla sua grotta scopre  alghe, coralli, luci colorate e soprattutto… pesci! Pesci grandi e piccoli, pesci grassi e magri, pesci di tutti i colori e allora decide di andare a trovare il suo amico….alla faccia dei pescecani. Quando i due amici sono insieme possono cominciare una nuova vita veramente felice! Il libro mette a tema la paura che il bambino può avere nell’affrontare la realtà che gli sta intorno. Paura che si vince rendendosi conto che tutti hanno le loro paure (anche i grandi) ma non per questo si deve rinunciare a vivere.

Guizzino, zolleggiamoRecensione di: Gioia (insegnante) Un libro con delle bellissime immagini che guideranno il bambino in una storia apparentemente semplice, ma in grado di comunicare un messaggio ad ogni età. Guizzino è un piccolo e veloce pesce nero, che sperimenta la sconsolazione della solitudine e l’intensità della paura, quando il branco di pesci rossi in cui vive viene divorato da grossi tonni. Nuotando tutto solo nel mare all’improvviso fa una stupefacente scoperta: quante creature meravigliose si possono incontrare!  Il suo viaggio lo porterà ad aggregarsi ad un nuovo branco di pesciolini rossi, che vive nel terrore di un possibile attacco dei grandi pesci. Guizzino proporrà una semplice ma geniale soluzione, che prevede l’unione dei singoli in un lavoro di cooperazione: solo imparando a vivere insieme ed attraverso l’aiuto reciproco la vita può migliorare.

zolleggiamo, il ponte dei bambiniRecensione di: Panda (insegnante) Una storia ricca di significato, curata nel testo e nelle immagini  per parlare ai bambini di conflitti, di pace e tolleranza. L'illustratore, Štěpán Zavřel, nato a Praga, accompagna  il testo con immagini delicate e poetiche davvero belle e ricche di particolari. Sulla sponda di un fiume abitano due famiglie di contadini, una sulla riva sinistra e l’altra sulla riva destra. Le famiglie spesso litigano fra di loro e i bambini stanno ad ascoltare. Un giorno le acque del fiume si abbassano, i bambini sono pronti...devono incontrarsi...e non costruire " muri"!

zolleggiamo un pupazzo di neveRecensione di: Guia (insegnante) Aveva nevicato moltissimo. Due fratellini, Marta e Piero, pieni di entusiasmo, decidono  di costruire un meraviglioso pupazzo di neve, talmente bello da essere ammirato da tutti. Rimasto solo la notte il pupazzo si mostra fiero alla luna, soddisfatto e tronfio del suo magnifico aspetto, quand’ ecco che inizia per il protagonista una serie di incontri: dal passerotto infreddolito in cerca di un nuovo caldo rifugio, al riccio desideroso di trovare un accogliente e sicuro giaciglio… ll pupazzo di neve li aiuterà grazie alla sua grande generosità. Ma che cosa succederà quando  al mattino tornerà a splendere il sole? Bellissima storia all’insegna dell’altruismo e della certezza che il bene compiuto non è mai vano e porta sempre in sé nuova vita e nuova bellezza. Bellissime le illustrazioni.

amici amiciRecensione di: Panda Emerge in questo simpatico racconto come la compagnia che ci si può fare ogni giorno si trasforma in amicizia che unisce animali, o bambini, tanto diversi per temperamento e caratteristiche. Amici, amici  è la storia dei tre più strampalati compagni di avventure mai inventati: Beppe Rosicchia (un topo), Pieretto Galletto (un gallo) e Tonio (un maialino). I tre personaggi, anziché intraprendere avventure stravaganti , si divertono a svolgere le più semplici attività quotidiane combinando  qualche guaio. Eccoli, quindi, tutti assieme in bicicletta, due sui pedali e uno sul manubrio, oppure alle prese con un aquilone poco collaborativo, o intenti a travestirsi con gli abiti trovati appesi ad asciugare. I testi semplici e i disegni ad acquerello dai colori gradevoli, invitano volentieri ad entrare in questa storia di amicizia. Una amicizia fatta di gesti semplici, quotidiani e soprattutto sempre in allegria. Una quotidianita' tutta da godere.

Come te! zolleggiamoRecensione di: Panda L’unione fa la forza: due personaggi tanto diversi possono diventare amici, dare ciascuno il meglio di sé ad apprezzare qualità che non sapevano di avere. Un piccolo topo impaurito incontra Bodo, il grande drago buono. È triste: piccolo com’è non riesce ad arrivare alle mele dell’albero e, quando arriva il leone, è costretto a scappare. Anche Bodo ha un peso sul cuore: si sente troppo grande e spaventoso. Gli piace ballare e cantare, ma nessuno lo sa perché tutti scappano quando lo incontrano. Dal loro incontro scaturisce la grande idea: in due ci si può aiutare, compensando l’uno le difficoltà dell’altro. Dove non arriva Bodo può arrivare il topo, e viceversa! È così semplice...

oggi sono contento, zolleggiamo, la zollaRecensione di: Duca Lamberti Un bambino è contento, a volte, altre è triste ma non sempre sa perché. E' bello e utile imparare e chiederselo: certe volte si è contenti quando si impara qualcosa o non si è contenti quando non si fanno felici mamma e papà. Anche con gli amici si è contenti quando si gioca insieme e si è tristi quando non riesce a divertirsi.... Un modo per riflettere, in una giornata, che cosa ci rende felici e che cosa ci rende tristi: perché l'esperienza è sempre la migliore maestra.