Zolleggiamo! | Un'esperienza di ascolto vivo, esserci con tutta la propria persona e con tutti i sensi lasciando che le parole con i loro suoni accendano immagini nella nostra mente.
Con l'aiuto di un attore che legge i bambini scoprono che le parole lette e ben dette, possono diventare vive, risvegliando la nostra mente a creare immagini.
zolleggiamo, scuola primaria La Zolla, Festival della lettura 2018, leggere con un attore, lettura animata a scuola
916
single,single-post,postid-916,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

La lettura guidata da un attore

Qualsiasi parola cerca una casa in cui dimorare
ScuolaLaZolla_FestivalLibro2018_Bonanni

La lettura guidata da un attore

Durante il Festival della Lettura della scuola primaria La Zolla di via Carcano, l’attore Matteo Bonanni ha dato voce a testi e poesie scelte per le diverse classi.

Prima di iniziare Bonanni ha fatto una richiesta al suo “pubblico”: chi era lì doveva decidere ascoltare, di esserci con tutta la propria persona, vista, udito, gusto, tatto, olfatto, per immaginare, lasciando che le parole con i loro suoni accendano immagini nella mente.

Le classi prime e seconde hanno ascoltato la fiaba “I sei servi” dei fratelli Grimm, immedesimandosi con le vicissitudini del principe e dei suoi servi per sconfiggere la maga malvagia e conquistare la bellissima principessa.

Dalla lettura di un episodio dell’infanzia di Beethoven, le terze hanno potuto scoprire come la curiosità del piccolo musicista lo abbia guidato a compiere il suo più grande desiderio: imparare a suonare l’organo.

La voce di Bonanni ha permesso alle quarte di sperimentare la forza e l’efficacia delle parole nelle poesie, di percepirne il ritmo e di cogliere il legame tra il suono e il significato.

Alle quinte impegnate a conoscere i testi giornalistici, sono stati letti articoli di eventi storici. Abbiamo potuto seguire lo sbarco dell’uomo sulla Luna; per qualche minuto ci siamo trovati a New York, compartecipi col giornalista del senso di paura e di impotenza, il giorno dell’attentato alle torri gemelle; infine abbiamo partecipato dell’entusiasmo per la vittoria dell’Italia ai Mondiali di calcio del 2006. Fatti lontani nel tempo sono diventati improvvisamente a noi vicini.

Per tutti è stata un’occasione speciale per accorgersi di come le parole lette e ben dette, possano diventare vive, risvegliando la nostra mente a creare immagini.

Ciascuno ha potuto immedesimarsi nei racconti, rivivere un’esperienza vissuta da altri, seguire il ritmo e il suono delle parole spalancando le orecchie, gli occhi e il cuore al mondo.

Le parole hanno trovato una casa in cui dimorare e alla fine tutti sono usciti arricchiti.

admin
zolleggiamo@gmail.com
No Comments

Post A Comment